Lo “spazzacamino” è responsabile dell’intervento di manutenzione, quindi oltre alla spazzolatura dei condotti, deve provvedere a controllare lo stato di conservazione dell’impianto fumario, le eventuali anomalie e soprattutto deve garantirne l’efficienza e la tenuta. Solo la manutenzione ordinaria così concepita previene gli incendi e gli avvelenamenti da monossido di carbonio.
Il camino o meglio l’impianto fumario, deve essere pulito accedendo ad entrambe le estremità dell’impianto: il terminale sul tetto ed il focolare all’interno dell’abitazione. La scovolatura dei condotti può essere eseguita utilizzando due tecniche: dall’alto verso il basso o viceversa; Gli attrezzi per la pulizia sono cambiati negli ultimi anni. Una volta si infilava una corda attraverso il comignolo e quando arrivava nel focolare vi si legava matassa di rovi o pungitopo, e un capo di una corda altrettanto lunga e poi, uno sopra e uno sotto, si trascinava su e giù. Oggi invece questo mestiere è cambiato: è previsto il controllo preventivo tramite videoispezione, la sigillatura delle aperture all’interno dei locali, l’accesso al tetto in sicurezza, la scovolatura tramite spazzole idonee per materiale, durezza e forma, trascinate mediante peso battente o aste flessibili avvitate una di seguito l’altra ed infine l’asportazione e lo smaltimento della fuliggine. Il classico raschietto a spalla è un po’ in disuso in quanto la formazione di depositi catramosi che richiedano l’uso di tale attrezzo era tipica dei grandi focolari aperti che, a causa del loro scarsissimo rendimento sono sempre più in disuso.

Chiudi il menu